Copy

Nous sommes Paris


Il Presidente dell'Accademia Italiana della Cucina, a nome di tutti gli Accademici, esprime il più profondo cordoglio e manifesta la sua vicinanza a Luisa Branlard Polto, a Laura Giovenco Garrone e ai loro Accademici per le terribili circostanze che hanno colpito la città di Parigi. Il compianto dell'Accademia è rivolto anche a Jacques Mallard, Presidente della AIG che ha sede a Parigi, e a tutti gli Accademici di Francia.
 

  La riunione della Consulta Accademica  


I valori accademici nella giornata di lavoro
e nei momenti conviviali


Si è svolta ad Abano Terme la seconda riunione della Consulta Accademica, sotto la presidenza di Paolo Petroni, in un clima sereno, disteso e amichevole. A questo proposito il Presidente ha espresso la propria soddisfazione nel vedere l’Accademia in evoluzione, grazie all’ampia condivisione delle nuove iniziative intraprese, in linea con il programma presentato in occasione della sua candidatura (l’articolo completo sul numero di novembre di “Civiltà della Tavola”).
La perfetta organizzazione dell’evento, nel corso del quale sono stati approvati all’unanimità il Bilancio preventivo 2016 e il Codice Etico, è stata opera dell’infaticabile Delegato di Eugania-Basso Padovano Pietro Fracanzani e del suo Vice Angelo Masso.
 

Fondata a Parigi l’Accademia Europea della Gastronomia
L’Italia membro fondatore

Il 2 novembre scorso, a Parigi, è stato firmato l’atto costitutivo della nuova Accademia Europea della Gastronomia (AEG) che rappresenta una Divisione autonoma dell’Accademia Internazionale della Gastronomia (AIG). 
Nella risoluzione del Parlamento Europeo, datata 12 marzo 2014, all’articolo 28, si riconosce l’importante contributo della AIG per la tutela della gastronomia europea, tuttavia la Commissione Europea necessita di una controparte formata esclusivamente da Associazioni facenti parte della Comunità Europea. Si è resa quindi necessaria la costituzione di questa nuova struttura al fine di ottenere finanziamenti per futuri progetti nazionali.
Alla presenza del Presidente della AIG, Jacques Mallard, hanno firmato l’atto le Accademie fondatrici di Italia, Francia, Spagna, Belgio, Polonia.
Per l’Italia era presente il Presidente dell’Accademia Italiana della Cucina Paolo Petroni, che è stato anche nominato membro del Consiglio d’Amministrazione della AEG.
All’unanimità è stato poi eletto, per i suoi contatti e la sua esperienza, Presidente della AEG, lo spagnolo Rafael Anson, Presidente della Real Academia de Gastronomia e Accademico Onorario di Madrid.



Rafael Anson eletto Presidente
 
 

Riunito il nuovo Centro Studi

La prima riunione del Centro Studi “Franco Marenghi”, totalmente rinnovato, ha avuto luogo presso i locali gentilmente messi a disposizione dalla Fondazione Gualtiero Marchesi. Con la presenza della quasi totalità dei suoi prestigiosi componenti, sono state messe a fuoco le principali problematiche relative alla situazione attuale della gastronomia in generale e della ristorazione in particolare. È stato poi svolto un approfondito esame della situazione e sull’immagine della nostra Accademia nei confronti dei consumatori e delle Istituzioni e sono state suggerite interessanti iniziative da intraprendere nel settore dei social media e della comunicazione più in generale. I membri del Centro Studi, molti dei quali non Accademici, hanno apprezzato le nuove pubblicazioni accademiche e i progetti editoriali allo studio. La sessione ha anche dato concreti spunti per l’individuazione del “Tema dell’anno 2016”, che verrà quindi presto deliberato dal Consiglio di Presidenza.


Contro il Food, verso il Cibo

Si è tenuto a Rimini, dal 12 al 14 novembre, il secondo convegno nazionale dell'Associazione Italiana Food Blogger (AIFB) dal titolo "Contro il Food, verso il Cibo: AIFB  e la nuova comunicazione della cucina italiana”. Nonostante l'Associazione abbia solo tre anni, ha conseguito lusinghieri successi anche in campo giornalistico e istituzionale. Oggi raccoglie circa 400 blogger, ciascuno dei quali ha centinaia, se non migliaia di contatti. Sono stati invitati, per interessanti tavole rotonde, gastronomi, giornalisti e scrittori. Era presente anche il nuovo Presidente della Federazione Italiana Cuochi (FIC), il lucano Rocco  Cristiano Pozzulo. Ha aperto i lavori il Presidente dell'Accademia Paolo Petroni con una applaudita prolusione, nel corso della quale ha augurato alla giovane Associazione un proficuo lavoro a favore dei valori condivisi della nostra cucina tradizionale.  


Alessandra Gennaro, Accademica genovese,
Consigliere e Direttore AIFB; Paolo Petroni;
Anna Maria Pellegrino, veneziana, Presidente AIFB

Ci risiamo! Dopo gli oli che aumentano il colesterolo, adesso si attaccano le carni rosse e i salumi

Diceva l’Artusi (siamo a fine ‘800): “L’eccessivo uso di vegetali non vorrei fosse una, e non l’ultima, delle cagioni della flaccida costituzione di alcune classi di persone (i poveri, ndr), che, durante l’influenza di qualche malore, mal potendo reggerne l’urto, si vedono cadere fitte come le foglie nel tardo autunno”. Insomma, a mangiar troppe verdure, non essendo l’organismo forte, si crepa facilmente. Come passa il tempo! Oggi a mangiar solo verdure si campa cent’anni e a mangiar carne, si crepa. Per fortuna gli organismi internazionali ci tutelano e, dopo essere stati protetti dalla mucca pazza e dalla aviaria, ora ci proteggono dal cancro del colon. Basta non mangiar carni rosse e salumi. Il documento, pubblicato dal Gruppo di lavoro della International Agency for Research on Cancer dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato in data 26 ottobre 2015, in realtà conclude affermando che il consumo di carne lavorata e di carne rossa ha una relazione con l’aumento del rischio di ammalarsi di cancro. Detta relazione (non quantificata) era per altro già nota da tempo, ma il modo con cui è stata comunicata ha creato un polverone, destando allarme e sconcerto. Il giorno dopo, sui giornali sono apparsi titoli come “Consumo di carni crollato del 20%”, che destano più ilarità che ansia. Come in tutte le cose, moderazione! Ma sorge il sospetto che dietro queste sparate ci sia qualche interesse del potere forte di turno. Se è così, tra breve vedremo chi ha avuto interesse a spargere terrore.
Il Presidente Onorario Giovanni Ballarini e il Presidente Paolo Petroni all’Accademia dei Georgofili
Si è tenuto a Firenze, presso l'Accademia dei Georgofili, il convegno “Le due nuove culture della nuova gastronomia” per mettere in evidenza la varietà e la ricchezza culturale che si accompagnano da sempre alla gastronomia, ma anche le nuove sfide che attendono il gastronomo laureato. I relatori, infatti, provenivano da due Atenei pubblici che hanno attivato corsi di laurea in Scienze Gastronomiche: l’Università di Parma e quella di Padova. Giovanni Ballarini ha parlato su “La multiculturalità alimentare e la sfida della omologazione”. Le conclusioni del convegno sono state affidate al Presidente dell’Accademia Paolo Petroni, che ha sottolineato l’importanza della formazione universitaria e le prospettive che il gastronomo laureato può avere in Italia e nel mondo, oltre naturalmente all'importanza della gastronomia anche come opportunità economica per il Paese.
L’Italia vista da McDonald’s
Occorre onestamente riconoscere che, per quanto possibile, McDonald’s cerca di personalizzare alcune delle sue proposte in funzione di ogni Paese. Ricordiamo, per quanto riguarda l’Italia, l’uso di formaggi italiani Dop, di ingredienti di sicura origine italiana e persino i Mc menu firmati da Gualtiero Marchesi.
Sappiamo tutti che la cucina italiana è sulla cresta dell’onda ed è quindi comprensibile che si cerchi di cavalcarla, magari usandola a sproposito facendo ricorso a un incredibile Italian sounding.
L’iniziativa sviluppata da McDonald’s negli Emirati Arabi Uniti desta davvero sorpresa e ilarità.
Sotto una simpatica immagine che mostra un enorme hamburger contornato dal Colosseo, dalla Torre pendente di Pisa, da una gondola e persino da uno scooter Vespa, possiamo leggere: “Buongiorno (in italiano) al vero gusto dell’Italia! Dopo un entusiasmante viaggio alla ricerca del gusto, finalmente vi portiamo quello italiano. Un succulento medaglione di pollo Halal, avvolto tra due fette di formaggio Emmental, sormontato da una foglia intera di lattuga Boston e morbide fette di pomodoro condito con una maionese al pesto di basilico che fa venire l’acquolina in bocca, il tutto in un panino tipo focaccia. Buon appetito! (in italiano)”.
No comment!

Fondata la nuova Legazione di Perth

È Raffaele Iannizzotto, già Delegato di Canberra, il Legato di Perth, in Australia. Nato a Francavilla Fontana (BR), ingegnere, dopo varie esperienze in Italia e in Francia, dal 2007 è in Australia in rappresentanza del consorzio italo-francese a partecipazione Finmeccanica. Vive nella deliziosa cittadina di Fremantle (chiamata dagli australiani Freo), gemellata con Capo d’Orlando a testimonianza della gratitudine verso i pescatori siciliani sbarcati a Freo in entrambi i dopoguerra. 
Ad Alfredo Pelle il premio “Baldassarre Molossi”
Si è svolta a Pontremoli (MS) la decima edizione del premio Bancarella della Cucina, vinto dal libro “Giuseppino. Da New York all’Italia: storia del mio ritorno a casa” (Utet) di Joe Bastianich e Sara Porro. Nel corso della manifestazione è stato assegnato anche il premio “Baldassare Molossi” al Presidente del Centro Studi dell’Accademia, Alfredo Pelle. Ricordiamo che il premio Molossi (Baldassare Molossi, scomparso nel 2003, ha diretto per 35 anni la Gazzetta di Parma, ed è stato Delegato, Consultore e Consigliere di Presidenza dell’Accademia) è attribuito per la diffusione della cultura della gastronomia e il giornalismo gastronomico.
 

“Civiltà della Tavola” anche in tutti i Comuni dove è presente una Delegazione 

Nel corso della riunione della Consulta Accademica, alla quale hanno partecipato anche i Coordinatori Territoriali, è stato deciso di inviare la rivista anche alle Istituzioni di quei Comuni con meno di 30.000 abitanti, dove ci sia una Delegazione. Ricordiamo che l’aumento di tiratura era stato messo in atto, in settembre, per raggiungere un più ampio target qualificato non accademico, tra cui Sindaci, Assessori alla Cultura e al Turismo. Il messaggio dell'Accademia e la sua attività culturale sono quindi sempre più capillari nel territorio.
 
Copyright © *Accademia Italiana della Cucina* All rights reserved. Direttore Paolo Petroni.